Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel, Snam: aziende in fila per il bilaterale con la Russia
02/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Si è svolto venerdì a Cernobbio, il summit bilaterale durato oltre un’ora tra il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, e il vice primo ministro della Federazione russa Arkady Dvorkovich, con i vertici delle principali aziende italiane, quasi tutte controllate o partecipate dallo Stato: da Alessandro Profumo di Leonardo- Finmeccanica ad Emma Marcegaglia di Eni, da Francesco Starace di Enel a Stefano Cao di Saipem, e ancora Marco Alverà di Snam, Renato Mazzoncini di Ferrovie, Alessandro Zunino di Edison Energia. Dall’altra parte del tavolo erano presenti, tra gli altri, i presidenti di Av Todor, Eviva, Avelar Energy, Jsc Russian Railway. Un vertice inaugurato alla scorsa edizione del forum The European House - Ambrosetti a Villa d’Este e che già al suo secondo anno è considerato un appuntamento consueto di monitoraggio sulle relazioni Italia-Russia. Il lavoro dei grandi gruppi italiani insomma procede come da «business as usual». «Di sanzioni non si è affatto parlato», racconta Starace, «è stata un’analisi dei progetti in corso, un giro di tavolo. E il vice premier russo è intervenuto commentando i singoli dossier, era molto informato e puntuale su tutto. Noi abbiamo tanti progetti lì, il più importante è la costruzione di due grandi parchi eolici che abbiamo vinto e che vale circa 450 milioni di euro, e poi lo sviluppo dell’innovazione che abbiamo iniziato un anno fa nel tecnopark in Russia e che annunceremo in ottobre al forum dell’opening innovation nel Paese».

Fonte: Corriere della Sera – Fabrizio Massaro (pag. 41)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]