Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Enel costrette a emigrare per sfondare su gas e solare
01/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

La scoperta del maxi-giacimento da 850 miliardi di metri cubi di gas al largo delle coste egiziane è stato festeggiato in borsa con un rialzo del valore dei titoli Eni. L’economista Giulio Sapelli, ha affermato che l’Italia è ora nella posizione di farsi promotrice di un’iniziativa volta a stabilizzare le forniture di gas nel Mediterraneo mediante la realizzazione di un gasdotto progettato da Eni nel 1993 per collegare l’Egitto al Libano attraverso il Sinai, Gaza e Haifa. Nel frattempo l’Enel, con Green Power, si è aggiudicata ieri in Brasile il diritto di sottoscrivere contratti ventennali di vendita di energia per un totale di 553 MW relativi ai nuovi progetti fotovoltaici di Horizonte MP, Lapa e Nova Olinda. L’articolo pone in evidenza come i due colossi energetici italiani siano costretti a ricercare risultati al di fuori dei confini nazionali, a causa dell’effetto nimby.

Fonte: Libero 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]

Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030
[leggi tutto…]