Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel &Co: gli effetti sui consumatori
11/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

C’è “carbon tax” e “carbon tax” e se persino l’Amministratore delegato di Eni ne prende le difese la questione merita qualche approfondimento. Da almeno un paio d’anni Descalzi ne parla e sul punto ha anche affermato che “ci vuole una carbon tax, perché l’Ets non funziona”. Nel mirino del Cane a sei zampe c’è il carbone: un combustibile che resta il responsabile maggiore delle emissioni di CO2 ma che per la sua economicità e abbondanza è anche il maggior concorrente del gas naturale. C’è anche una sottostante strategia ambientale: il gas naturale dovrà servire da stampella per aiutare la transizione verso il futuro “low carbon” promesso dalle fonti rinnovabili. E un incremento di solo l’1% dell’uso del carbone, dice l’Eni, neutralizza una crescita delle rinnovabili del 10%. Per conciliare questa visione globale con le singole realtà nazionali, occorre trovare delle soluzioni. In Italia, ad esempio, sui carburanti come benzina e gasolio grava già un’imposizione fiscale del 65%, un’anomalia in Europa, che si traduce in una carbon tax implicita di 290 euro la tonnellata. Forse un po’ troppo per i consumatori.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Stefano Agnoli (pag. 54)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]