Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, l’Egitto paga pronta cassa
27/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dimenticati i dissapori delle vecchie controversie su fatture non onorate dalle compagnie statali, ora per Eni in Egitto è davvero un altro passo. I partner pubblici hanno addirittura già pagato circa 200 milioni di euro di anticipi commerciali relativi al finanziamento del progetto Zohr, lo sviluppo del giacimento giant operato dal Cane a sei zampe nell’offshore del Paese, forte di un potenziale di 850 miliardi di metri cubi di gas. Si tratta esattamente di 192 milioni di euro, incassati da Eni nel 2017. Ad oggi la produzione è di 10 milioni di metri cubi al giorno, con l’obiettivo di arrivare a 30 milioni entro giugno. A fine 2019 il giacimento dovrebbe raggiungere quota 80 milioni di metri cubi al giorno, per una produzione annuale di circa 30 miliardi. I partner egiziani di Eni sono Egpc (Egyptian General Petroleum Corporation), ed Egas (Egyptian Natural Gas holding) gli stessi che nel 2013 non onoravano i pagamenti dovuti.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]