Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: “Diverse ipotesi per Saipem”
05/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

L’obiettivo prioritario «è deconsolidare il debito». Dal Forum Ambrosetti di Cernobbio, Emma Marcegaglia, presidente di Eni, ribadisce la linea del gruppo rispetto ai piani di cessione di Saipem. Il dossier è sul tavolo, ma al momento non c’è alcuna accelerazione alle viste anche perché la controllata sta provando a risalire la china e ha appena lanciato un piano di ristrutturazione, messo a punto dal nuovo ad Stefano Cao, che servirà ad affrontare al meglio uno scenario profondamente deteriorato, complice il perdurare del calo del prezzo del petrolio. Sulle modalità e sui tempi di un eventuale ridimensionamento da parte di Eni, la presidente Marcegaglia è quindi prudente. «Sono allo studio varie ipotesi», si limita a dire. E non si sbottona nemmeno quando qualcuno, accennando al nuovo corso in Cdp - dove, al timone, si è insediato il tandem costituito dal presidente Claudio Costamagna e dall’ad Fabio Gallia -, le chiede se questo possa accelerarne l’ingresso nella controllata del Cane a sei zampe. Da tempo si rincorrono le voci - peraltro mai smentite - di una possibile discesa in campo del Fondo strategico italiano, braccio operativo della Cassa, nell’affaire Saipem. 

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza& Mercati – Celestina Dominelli  (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]