Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Eni continuerà a crescere con il mini-barile”
13/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Sole 24 Ore ha intervistato Emma Marcegaglia, presidente di Eni. La manager ha evidenziato come l’Eni di oggi sia molto diversa dal passato, capace di creare profitto e di continuare a crescere in uno scenario di prezzo del petrolio basso. La presidentessa ha posto l'accento sulla gestione di Descalzi. Il manager, fin dal suo insediamento, avrebbe portato all’attenzione del cda il cambiamento dell’organizzazione, il primo pilastro della svolta che ha portato l’azienda a diventare una compagnia integrata oil&gas focalizzata sull’upstream. Alla domanda relativa all'esistenza di ulteriori margini di manovra nell'eventualità che il prezzo del petrolio possa rimanere ancora agli attuali livelli, Emma Marcegaglia indica che dopo due tornate di riduzioni di costi e investimenti, Eni si è posta l’obiettivo, con uno scenario fissato a 50 dollari per il 2016, di riuscire a pagare tutti gli investimenti e, nel 2017, di riuscire a coprire sia investimenti che dividendi a 60 dollari. Anche con un greggio che veleggia sui 50 dollari, l’Eni avrebbe quindi una situazione di equilibrio finanziario e patrimoniale molto forte.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]