Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni conferma avvio giacimento Zohr entro l’anno
06/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

L’avvio della produzione del giacimento egiziano di Zohr è confermato. Desclazi ha assicurato che la partenza al momento è confermata, il progress è molto buono e verrà fatta presto una verifica sul campo in Egitto entro novembre. Per quanto riguarda lo sviluppo tecnologico, Eni procede con investimenti consistenti: Eni ha infatti investito in ricerca scientifica più di 1,5 ,miliardi di euro e sono previsti ulteriori investimenti compresi tra i 500 e i 600 milioni di euro, di cui un 50% solo per le energie future. Marcegaglia, nella veste di presidente di Eni ha affermato che l’industria mostra vitalità e competitività nel sul panorama internazionale e qualsiasi azienda che voglia guardare al futuro con fiducia deve lavorare alla ricerca. La ricerca infatti, secondo la presidente, si pone come il motore imprescindibile di progresso, in grado di favorire la crescita di tutti quei settori e l’implementazione di nuove tecnologie che potrebbero condizionare i processi di produzione, incrementando la crescita della produttività.

Fonte: MF – Andrea Boeris (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]