Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, il cane a sei zampe diventa più “verde”
09/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Ormai da tempo il binomio non è più in contraddizione tra le compagnie petrolifere, sempre  più attente all’impatto ambientale, almeno nelle intenzioni: da anni alla tradizionale attività nell’oil&gas hanno affiancato anche la ricerca nel settore delle rinnovabili. Ora Eni ha istituio una direzione apposta, Energy Solutions, affidata a Luca Cosentino, ex direttore della società Eni Congo dal 2010 al 2013 e da novembre Executive vice president. La nuova unità nasce con l’obiettivo du supportare le attività di Eni attraverso il miglioramento delle condizioni di accesso all’energia per quei Paesi in cui il gruppo è presente, soprattutto in Africa e in Far East, garantendo il massimo contributo alla riduzione delle emissioni dirette di Co2. In linea con quanto l’amministratore delegato Claudio DEscalzi si è impegnato fare, sottoscrivendo il documento di Parigi insieme ad altri nuove Ceo delle maggiori oil company del mondo: Bg group, BP, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Armaco, Shell, Statoil e Total. 

Fonte: Corriere Economia – Francesca Basso (pag.6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]