Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Astana ai supplementari
19/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Ufficialmente sono rimasti solo dieci giorni all’Eni e agli altri partner del consorzio Kpo, che sviluppa il giacimento di Karachaganak, per versare il conguaglio fiscale di 1,6 miliardi di dollari reclamato dal Governo del Kazakhstan. Trascorso il termine del 30 settembre, Astana minaccia di procedere con un arbitrato. Ma ora i tempi potrebbero allungarsi a fine anno perché Eni & co avrebbero fatto una proposta alternativa al versamento cash: costruire un impianto per il trattamento del gas. Il Governo kazako sembrerebbe intenzionato a rispedire la proposta al mittente perché la giudica economicamente insufficiente, prendendosi del tempo per valutarla consentendo così di allungare le trattative di qualche altro mese.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]