Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Astana ai supplementari
19/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Ufficialmente sono rimasti solo dieci giorni all’Eni e agli altri partner del consorzio Kpo, che sviluppa il giacimento di Karachaganak, per versare il conguaglio fiscale di 1,6 miliardi di dollari reclamato dal Governo del Kazakhstan. Trascorso il termine del 30 settembre, Astana minaccia di procedere con un arbitrato. Ma ora i tempi potrebbero allungarsi a fine anno perché Eni & co avrebbero fatto una proposta alternativa al versamento cash: costruire un impianto per il trattamento del gas. Il Governo kazako sembrerebbe intenzionato a rispedire la proposta al mittente perché la giudica economicamente insufficiente, prendendosi del tempo per valutarla consentendo così di allungare le trattative di qualche altro mese.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]