Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Astana ai supplementari
19/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Ufficialmente sono rimasti solo dieci giorni all’Eni e agli altri partner del consorzio Kpo, che sviluppa il giacimento di Karachaganak, per versare il conguaglio fiscale di 1,6 miliardi di dollari reclamato dal Governo del Kazakhstan. Trascorso il termine del 30 settembre, Astana minaccia di procedere con un arbitrato. Ma ora i tempi potrebbero allungarsi a fine anno perché Eni & co avrebbero fatto una proposta alternativa al versamento cash: costruire un impianto per il trattamento del gas. Il Governo kazako sembrerebbe intenzionato a rispedire la proposta al mittente perché la giudica economicamente insufficiente, prendendosi del tempo per valutarla consentendo così di allungare le trattative di qualche altro mese.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]