Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni nell’Artico, payback in 5 anni
07/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

Il conto alla rovescia per lo start-up di Goliat è finalmente partito. Il primo giacimento del Mare di Barents, operato da Eni con una quota del 65% (il restante 35% è dell'oil company norvegese Statoil), dovrebbe iniziare la produzione già a fine ottobre, in anticipo perciò rispetto ai tempi indicati dall’ad Claudio Descalzi, che ufficialmente ha sempre parlato di fine anno. Le autorità norvegesi hanno dato via libera. Secondo le stime degli analisti, nonostante il mini barile il gruppo potrà rifarsi degli investimenti nel Mare di Barents entro il 2020.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]