Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, 32 miliardi di investimenti. Più Egitto e Asia, meno Libia
17/03/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Investimenti fino a 32 miliardi di euro, meno carbone e più chimica verde. Ma la parte del leone la faranno ancora l’esplorazione e l’estrazione di petrolio. Non il Libia dove la produzione di greggio verrà ridotta, ma in Egitto, Indonesia ed Estremo oriente. Descalzi, ad di Eni ha illustrato il piano strategico del colosso petrolifero per il 2018-2021: ‘Intendiamo spendere nel settore circa 3,5 miliardi e scoprire 2 miliardi di barili di qui al 2021 in più di 25 Paesi’. A livello geografico Eni punta sull’Egitto, dove ha consolidato la propri leadership grazie al record di produzione nell’area del deserto occidentale e allo giacimento offshore di Zohr. Dal punto di vista finanziario la forza del piano sta nell’enorme liquidità che verrà creata. Se il prezzo del petrolio (Brent) continuerà a viaggiare attorno a 60 dollari al barile, il flusso di cassa supererà gli 11 miliardi quest’anno e quello cumulato sarà di 22 miliardi nel 2018-2021. Sui temi più spinosi come la vicenda Nigeria e le presunte tangenti, l’ad cerca di gettare l’acqua sul fuoco: ‘Sono rilassato perché adesso c’è un processo e abbiamo la possibilità di spiegare quello che abbiamo fatto’.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Luca Fornovo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]