Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energivori e RIU, il Tar blocca le restituzioni
09/02/2016 - Pubblicato in news nazionali,normativa

Accogliendo in via cautelare un ricorso della Acciai Speciali Terni, il Tar Lombardia ha sospeso una delibera dell'Autorità per l'energia che a fine anno imponeva alle industrie riconosciute energivore alla luce del Dl 83/12 ricadenti all'interno di reti chiuse di tipo RIU (Reti Interne di Utenza) il pagamento di oneri di sistema pregressi da cui in questi anni erano state esentate. La delibera in questione è la 539/2015/R/eel, pubblicata lo scorso novembre, che aveva equiparato le imprese riconosciute come a forte consumo di energia – già beneficiarie di esenzioni ex Dl 83/12 - e nel contempo ricadenti all'interno di RIU al caso dei sistemi di distribuzione chiusi (SDC) diversi dalle RIU stesse. Per questi ultimi SDC la delibera, non riconoscendoli meritevoli di esenzione, imponeva la restituzione degli oneri da cui finora erano stati esentati. Il Tar però, nelle more della discussione del caso nel merito – per la quale ha fissato un'udienza il prossimo 17 novembre 2016 – ha riconosciuto un periculum in mora, considerato che la delibera, limitatamente al passaggio in questione (art. 9, lettera b)) espone la Terni “a consistenti esborsi finanziari, come risulta dalla copia delle fatture depositate in giudizio dalla ricorrente il 2.2.2016 e tenuto altresì conto della lettera nella quale l'Autorità stessa ammette che a carico della ricorrente si sono formati “ingenti importi arretrati” con conseguenti “impatti finanziari sul cliente finale””.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]