Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energivori, la Cassa paga i primi 460 milioni
29/12/2016 - Pubblicato in news nazionali

La Cassa per i servizi energetici e ambientali (Csea) ha provveduto subito prima di Natale a erogare sgravi sugli oneri di sistema per quasi 460 milioni di euro a diverse centinaia di industrie manifatturiere ad alta intensità energetica, come previsto dalla norma del Dl 83/12 di cui il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, sta da tempo negoziando l'attuazione con la Commissione europea. I pagamenti, effettuati in attuazione della delibera dell'Autorità per l'energia 677/2016, riguardano importi non ancora erogati relativi al periodo antecedente il 2015 (2014 e 2013) e sono limitati alle imprese con consumi annui inferiori a 150 GWh, poiché sopra quella soglia sono prima previste verifiche per escludere sovra compensazioni legate alla degressività della tariffa. L'elenco complessivo delle imprese aventi diritto agli sgravi, finanziati da tutti gli altri consumatori attraverso il corrispettivo tariffario AE, ammonta attualmente per il 2014 a quasi 2.740 industrie, incluse quelle con consumi sopra i 150 GWh. Tra beneficiari delle erogazioni dei giorni scorsi i maggiori per importo sono i cementifici Colacem (12,5 mln) e Buzzi Unicem (11,3 mln), la OI Manufaturing (10,5 mln), Sapio Produzioni (7,7 mln) e Saint Gobain Vetri (circa 10 mln).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]