Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia sempre cara L’Autorità: “Difendere il mercato tutelato”
25/06/2015 - Pubblicato in news nazionali

Aumentano nel 2014 i clienti domestici che sono passati al mercato libero. Tuttavia questi continuano a pagare mediamente prezzi ancora più elevati rispetto alla tutela. E' quanto emerge dalla Relazione annuale dell'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Sul fonte dell'elettricità, le industrie italiane pagano il 25% in più rispetto alla medie dell'unione europea. "I prezzi per i consumatori industriali - si legge nella relazione - sono superiori a quelli dell'area euro per tutte le classi di consumo, con differenziali intorno al 25% al lordo delle imposte (con l'eccezione della classe a maggiori consumi, che registra un +11%) e una situazione più variegata al netto, con differenziali più elevati (compresi tra il 20 e il 28%) per le categorie intermedie e quelli più bassi (+14 e +11%)". Al contrario, per i consumatori domestici i prezzi sono più bassi nella classi di consumo inferiori: -16% per meno di 1000 kw/h l'anno e -9% per consumi tra 1.000 E 2.500 Kwh l'anno. Per quanto riguarda il gas, l'anno scorso il consumo interno lordo è diminuito di altri 8 miliardi di metri cubi, scendendo a 61,9 miliardi di mc, dai 70,1 del 2013 (-11,6%). Con quest'ultima riduzione, la quarta consecutiva, i livelli di consumo lordo sono tornati ai valori rilevati tra il 1997 e il 1998.

 

Fonte: La Repubblica 

 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]