Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia gli operatori al miglio finale della liberalizzazione dei mercati
25/09/2019 - Pubblicato in news nazionali

Si è conclusa con il tema della fine del mercato tutelato dell’energia l’ultima giornata dell’Italian Energy Summit, organizzato dal Sole24Ore. La fine della tutela del prezzo dovrebbe scattare a lugli 2020, salvo ulteriore rinvii e si tratta della migrazione di 17 milioni di utenti ancora sotto tutela. La liberalizzazione del mercato retail dell’energia è vista dagli operatori come un’opportunità. Bisogna lavorare per aumentare la consapevolezza del consumatore. Il mercato dell’energia deve fare i conti con il peso crescente delle rinnovabili, che devono imparare a stare in piedi con le proprie gambe. Si è parlato anche del futuro del gas. E’ emerso che ne avremo bisogno ancora a lungo. Il combustibile continuerà ad arrivare via gasdotto, da vecchi e nuovi fornitori, ma anche a bordo di metanerie, dagli Usa e non solo. In prospettiva si diffonde la versione “green”, il biometano. Arriva da Massimo Nicolazzi, docente di economia delle fonti energetiche all’Università di Torino, un invito a non trascurare l’analisi dei costi nel definire il processo di decarbonizzazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo, Cheo Condina e Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]