Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia, Donald vuole fermare Putin. E punta sul gasdotto Caucaso – Italia
12/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sulla sfida energetica si gioca buona parte del futuro economico, politico e strategico dell’Europa. E l’Italia ha un ruolo importante, dalle attività estrattive dell’Eni, ai progetti per le infrastrutture come il gasdotto Tap a cui lavora la Snam. A fine giugno Washington ha ospitato la World Gas Conference, e il 29 la portavoce del dipartimento di stato Nauert ha pubblicato una nota: ‘La conferenza ha riaffermato l’importanza fondamentale del fatto che i Paesi e le regioni impieghino matrici diverse di combustibile, fonti, e vie di distribuzione, per potenziare la loro sicurezza’. L’amministrazione Trump ha sottolineato la forte opposizione ai gasdotti a guida russa come Nord Stream 2, e alla seconda linea di TurkStream, che peggiorerebbero la dipendenza dell’Europa dall’energia di Mosca. Gli Usa invece elogia gli storici progressi compiuti con il Southern Gas Corridor in Azerbaijan e Turchia, per portare il gas del Caspio in Europa entro il 2020. Citando il Southern Gas Corridor, il dipartimento di stato ha appoggiato la Tap.

Fonte: La Stampa – Paolo Mastrolilli (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]