Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia, i cali del petrolio spiazzano il gas liquefatto
12/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

I ribassi del petrolio e la corsa all’auto elettrica – ancora timida ma promettente – stanno frenando la corsa di un altro protagonista dell’energia: il gas liquido. A dirlo sono i numeri ma anche Francesco Franchi, presidente di Assogasliquidi, secondo cui il problema è ambientale ma anche sociale perché il gas liquefatto rappresenta il carburante tradizionale più pulito e più flessibile nella sua capacità di raggiungere anche luoghi dove non ci sono distribuzioni metanifere nazionali. Inoltre, si rischia di frenare sul nascere l’evoluzione industriale e tecnologica, ovvero l’uso estensivo del Gnl. Assogasliquidi chiede alle Istituzioni una manovra sul fronte normativo e fiscale che liberi le potenzialità del gas liquido e razionalizzi le politiche di sostegno e di incentivi che oggi godono alcuni prodotti, come ad esempio la biomassa legnosa, molto dannosa per l’ambiente.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Federico Rendina (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, nasce il forum del Mediterraneo orientale

A breve sarà creato l’East Mediterranean Gas Forum (Emgf), iniziativa per “monetizzare le riserve di gas del Mediterraneo orientale”
[leggi tutto…]

La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman
[leggi tutto…]

Tap, chiuso project financing da 3,9 mld €

Tap ha completato un project financing da 3,9 miliardi di euro, erogato da un gruppo di 17 banche commerciali insieme alla Banca europea per gli investimenti e alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo
[leggi tutto…]