Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia in borsa, meglio fossile o green?
15/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il settore dell’energia è tornato al centro dell’attenzione degli investitori per diverse ragioni, fra le quali spiccano il rialzo delle quotazioni del greggio, la buona performance dei titoli petroliferi, con l’indice Eurostoxx Oil&Gas che da gennaio è salito dell’8,4%, e la febbre da m&a nel segmento delle rinnovabili che in questa settimana è partita almeno in Italia. Sul fronte petrolifero, il Brent è salito il 10 ottobre fino a ridosso dei 54 dollari al barile, toccando il massimo degli ultimi 12 mesi, per poi scendere nei giorni seguenti, chiudendo la settimana al di sopra dei 51 dollari, mentre su quello delle rinnovabili Edison ha lanciato un’opa su Alerion. Non solo in Italia, ma a livello internazionale la forte domanda di energia green è messa in evidenza anche dagli economisti della Iea (International Energy Agency). A loro parere, infatti, nel 2015, nonostante i bassi prezzi del greggio, il comparto delle rinnovabili è salito al ritmo più veloce di sempre, grazie alle politiche di sostegno pubbliche e alla decisa riduzione dei costi. Molto dipenderà anche dall’andamento del prezzo del Brent nei prossimi mesi, in attesa delle decisioni che saranno prese nel nuovo vertice che si terrà a fine mese a Vienna.  

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]