Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia, aumento offerta e tetti per i certificati bianchi
15/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Il ministero dello Sviluppo economico interviene sul sistema dei «certificati bianchi» per l’efficienza energetica con un decreto interministeriale di due articoli che modifica un precedente provvedimento del gennaio 2017. Le imprese di distribuzione dell’energia elettrica e il gas sono tenute a conseguire determinati obiettivi di risparmio energetico con progetti a favore dei consumatori finali oppure attraverso l’acquisto di certificati bianchi. Questi ultimi sono perlopiù venduti, su un mercato centralizzato gestito dal Gestore mercati energetici, dalle aziende “Esco” (energy saving company) che costruiscono il loro business proprio su questo tipo di risparmi. Il problema è l’aumento vertiginoso della quotazione di questi titoli, con un impatto anche sulle bollette dei consumatori che ora il decreto intende «calmierare». Il testo dello Sviluppo modifica poi il sistema di calcolo dei risparmi energetici addizionali per i quali sono riconosciuti i certificati: nel caso di impianti già esistenti il punto di riferimento diventa il consumo antecedente alla realizzazione del progetto di efficienza. C’è più flessibilità temporale con l’aggiornamento al 2019 della possibilità di modificare gli obiettivi e gli obblighi. E viene data la possibilità per i distributori di recuperare la quota d’obbligo non raggiunta nell’arco di due anni e non più solo uno.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Carmine Fotina (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]