Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Effetto Iran, petrolio oltre 77$
10/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

La corsa del petrolio non si ferma. Il giorno dopo l’annuncio di Donald Trump di voler uscire dall’accordo sul nucleare iraniano, ieri il prezzo del greggio ha raggiunto nuovi massimi. Il Brent ha guadagnato 2,27 dollari fino a toccare 77,21 dollari (+3%), mentre il Wti è cresciuto di 2,15 dollari a 71,21 dollari (+3,1%). Nel frattempo il rendimento del Treasury Usa decennale, riflettendo il clima di incertezza, è tornato al 3%. Ieri l’Eia (Energy Information Administration) ha rivelato che le scorte di oro nero sono scese la scorsa settimana negli Usa, mentre la produzione Usa è salita a un nuovo livello record. In particolare, nella settimana che si è conclusa il 4 maggio le riserve di greggio sono diminuite di 2,2 milioni di barili a 433,8 milioni, mentre gli analisti prevedevano un aumento di 1 milione di barili. In calo anche le scorte di benzina (-2,17 milioni), scese oltre le attese (-450.000).

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]