Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Effetto Iran, petrolio oltre 77$
10/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

La corsa del petrolio non si ferma. Il giorno dopo l’annuncio di Donald Trump di voler uscire dall’accordo sul nucleare iraniano, ieri il prezzo del greggio ha raggiunto nuovi massimi. Il Brent ha guadagnato 2,27 dollari fino a toccare 77,21 dollari (+3%), mentre il Wti è cresciuto di 2,15 dollari a 71,21 dollari (+3,1%). Nel frattempo il rendimento del Treasury Usa decennale, riflettendo il clima di incertezza, è tornato al 3%. Ieri l’Eia (Energy Information Administration) ha rivelato che le scorte di oro nero sono scese la scorsa settimana negli Usa, mentre la produzione Usa è salita a un nuovo livello record. In particolare, nella settimana che si è conclusa il 4 maggio le riserve di greggio sono diminuite di 2,2 milioni di barili a 433,8 milioni, mentre gli analisti prevedevano un aumento di 1 milione di barili. In calo anche le scorte di benzina (-2,17 milioni), scese oltre le attese (-450.000).

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]