Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dorsale Sardegna, Sgi presenta anche il tratto Centro-Nord
16/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il 13 giugno la società ha infatti presentato istanza al ministero Sviluppo economico e alla Regione Sardegna (assessorato all'Ambiente) per far partire la procedura autorizzativa per la “Sezione Centro-Nord” della dorsale sarda del gas naturale, il progetto che prevede la realizzazione di una rete di gasdotti capace di trasportare il metano in tutta la Sardegna. Sgi ha avviato il 16 marzo scorso la procedura di autorizzazione per la prima parte della rete (la “Sezione Centro-Sud che servirà le aree di Cagliari, del Sud Sardegna, del Sulcis e di Oristano). Con la presentazione della documentazione relativa alla seconda parte della dorsale (la “Sezione Centro-Nord” che correrà da Oristano a Porto Torres, con una deviazione verso Ottana e Nuoro) manca ora solo la “Sezione Nord Est” che raggiungerà Olbia partendo da Codrongianus. La dorsale si svilupperà per un totale di oltre 400 chilometri di rete definita “nazionale”, a cui vanno aggiunti i 200 chilometri di rete “regionale” che collegherà i “punti di ingresso” del gas (a Sarroch, Oristano, Cagliari e Portoscuso) e gli impianti di adduzione e allacciamento alle reti cittadine di distribuzione che potranno beneficiare dell'arrivo del gas naturale. La Sezione Centro-Nord si svilupperà per circa 208 km tra le province di Oristano, Nuoro e Sassari interessando i territori di 34 comuni. Il tracciato verrà realizzata in quattro tronchi.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]