Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il dopo Maduro si gioca in Pdvsa
25/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

La compagnia petrolifera di Stato venezuelana Pdvsa potrebbe essere parzialmente privatizzata e in generale il suo destino è in gioco come quello di tutto il Paese. Il programma post Maduro prevede l’isitituzione di una nuova agenzia nazionale degli Idrocarburi per gestire le gare di assegnazione delle licenze esplorative e produttive di gas naturale e greggio. Dal 2008 il petrolio quotava oltre 145 dollari al barile e Pdvsa veniva utilizzata come bancomat dall’allora Presidente Chavez. Intanto, Eni sta portando avanti le normali attività e non si segnalano particolari stravolgimenti: la produzione ammonta a circa 46mila barili al giorno. Nel 2017 la produzione in quota Eni nel Paese ammontava a circa 61mila barili al giorno, dai giacimenti di Perla (Eni 50%), Junin 5 (Eni 40%) e Corocoro (Eni 26%) ma poi si era scesi  a circa 30mila barili. Maduro vuole però dimostrare di avere ancora una presa solida su Pdvsa, tanto da averne assunto la direzione e annunciato in questi giorni il nuovo piano di sviluppo al 2025, con l’obiettivo di produrre 5 milioni di barili al giorno. 

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag.5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]