Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il dollaro debole dà slancio alle materie prime, risale il petrolio
22/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

La marcia al rialzo dell’euro ha trovato nuova forza nelle ultime sedute: il rapporto fra la moneta unica e il dollaro ha superato venerdì 1,12 quota di recupero. Da un lato gli investitori premiano l’euro per la maggiore stabilità che dovrebbe derivare dall’elezione di Macron mentre dall’altro, negli Usa, le vicende legate al “Russiagate” che hanno coinvolto l’amministrazione di Trump penalizzano il dollaro. Una debolezza che ha ridato nuovo slancio al settore delle materie prime con l’oro e l’argento che acquistano nuovo slancio così come il greggio che ha chiuso per l’ottava giornata consecutiva in positivo.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]