Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non Doha, ma lo shale oil ridurrà l’eccesso di petrolio
15/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Non sarà da Doha, ma dagli Stati Uniti che arriverà l’impulso per riportare in equilibrio il mercato del petrolio. Ne è convinta l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), che - allineandosi con la maggior parte degli analisti - prevede un impatto «limitato» da un eventuale accordo per congelare la produzione di greggio al vertice di domenica, ma allo stesso tempo rileva che ci sono segnali sempre più evidenti di una capitolazione dello shale oil e che dal secondo semestre vedremo finalmente ridursi l’eccesso di greggio che da quasi due anni sta comprimendo il prezzo del barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]