Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non Doha, ma lo shale oil ridurrà l’eccesso di petrolio
15/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Non sarà da Doha, ma dagli Stati Uniti che arriverà l’impulso per riportare in equilibrio il mercato del petrolio. Ne è convinta l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), che - allineandosi con la maggior parte degli analisti - prevede un impatto «limitato» da un eventuale accordo per congelare la produzione di greggio al vertice di domenica, ma allo stesso tempo rileva che ci sono segnali sempre più evidenti di una capitolazione dello shale oil e che dal secondo semestre vedremo finalmente ridursi l’eccesso di greggio che da quasi due anni sta comprimendo il prezzo del barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]