Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non Doha, ma lo shale oil ridurrà l’eccesso di petrolio
15/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Non sarà da Doha, ma dagli Stati Uniti che arriverà l’impulso per riportare in equilibrio il mercato del petrolio. Ne è convinta l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), che - allineandosi con la maggior parte degli analisti - prevede un impatto «limitato» da un eventuale accordo per congelare la produzione di greggio al vertice di domenica, ma allo stesso tempo rileva che ci sono segnali sempre più evidenti di una capitolazione dello shale oil e che dal secondo semestre vedremo finalmente ridursi l’eccesso di greggio che da quasi due anni sta comprimendo il prezzo del barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]