Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il distacco da Saipem comincia dal logo. Pronto il piano Cao
26/10/2015 - Pubblicato in aspetti tecnici

L’Eni punta a deconsolidare la partecipazione in Snam, che significa cancellare debiti per circa 5 miliardi (verso la stessa Snam). Renzi ha spiegato che non vuole aggiungere la società al lungo elenco di quelle passate sotto il controllo di capitali esteri. La Cdp è disponibile ma ha fatto capire che è necessario che venga fiancheggiata da investitori istituzionali o fondi sovrani. Proprio in vista del distacco di Saipem dall’Eni è stato presentato al cda dell’azienda di impiantistica il nuovo marchio, che non prevede più il cane a sei zampe, né il colore giallo, caratteristiche del gruppo petrolifero.

Fonte: Corriere della Sera, Corriereconomia – Fabio Tamburini (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Terna, piano da 6,2 miliardi per potenziare la rete

Con la rotta puntata sulla rete elettrica nazionale, chiamata a supportare il ruolo dominante nella transizione energetica, Terna è pronta a investire 6,2 miliardi nei prossimi cinque anni per accompagnare l’infrastruttura lungo la strada del
[leggi tutto…]

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]