Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Disputa su Karachaganak. Astana pronta all’arbitrato
26/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Kazakhstan potrebbe ricorrere in arbitrato contro l’Eni e gli altri soci del consorzio che gestisce il giacimento di Karachaganak. L’ha dichiarato alla Reuters il ministro dell’Energia Kanat Bozumbayev, aggiungendo di temere nuove «accese trattative» anche per Kashagan, lo sfortunato giacimento petrolifero che dopo investimenti miliardari è stato fermato da un problema tecnico a pochi giorni dall’avvio della produzione nel 2013. Anche in questo caso la compagnia italiana è coinvolta, con il 16,81% della North Caspian Operating Company, che annovera tra gli altri anche Royal Dutch Shell, Exxon Mobil e Total.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]

Border tax, Ets e neutralità carbonica: le promesse di Von der Leyen

Obiettivo di neutralità climatica al 2050 entro i primi 100 giorni di mandato da presidente: questa la promessa contenuta nelle lettere con cui Ursula von der Leyen chiede l'appoggio dei Socialisti e democratici e ai Liberali di Renew Europe p
[leggi tutto…]

Transitgas, così le cessioni Eni nel quarto trimestre

Nell'ambito delle procedure Eni per la cessione di capacità di trasporto gas dal Nord Europa avviate la scorsa estate per l'anno termico 2018-2019, Eni ha reso noto oggi il numero definitivo di lotti offerti relativamente al 4° trimes
[leggi tutto…]