Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi
15/02/2019 - Pubblicato in news internazionali

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi progetti come Nord Stream 2. Nello specifico la direttiva prevede che per i gasdotti esistenti alla data della sua entrata in vigore che collegano paesi membri a paesi terzi lo Stato membro in cui arriva il gasdotto possa rilasciare una deroga alla sua applicazione. In sostanza l'Italia dovrà dare una deroga per il Transmed (Algeria-Sicilia, i cui proprietari sono Eni e Sonatrach) e il Greenstream (Libia-Sicilia, di Eni e della libica Noc). Da sottolineare che tale deroga è data su valutazione dello Stato membro senza sentire lo Stato terzo (in questo caso Algeria e Libia) e poi comunicata alla Commissione. Questa semplicità per le deroghe per le infrastrutture esistenti, confermata dall'accordo raggiunto nei giorni scorsi al trilogo, era di importanza fondamentale per Italia e Spagna (a sua volta connessa all'Algeria da due tubi) per evitare complicazioni coi fornitori extra Ue e per non compromettere la contrattualistica con l'Algeria, che, ancorché in fase di rinegoziazione (probabilmente al ribasso), copre ancora una fetta importante dei nostri consumi.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]