Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Dieselgate paralizza il tribunale di Venezia
02/09/2017 - Pubblicato in news nazionali

Finanziamento straordinario di oltre 4 mila euro per carta e toner da parte del Ministero della giustizia per il fax del tribunale di Venezia. La class action per il Dieselgate rischia di paralizzare il tribunale di Venezia, sede competente perché la base italiana dell’azienda automobilistica tedesca ha sede a Verona. Le class action ammesse dai giudici della terza sezione, presieduta dal magistrato Roberto Simone sono due: una sui consumi dichiarati che non sarebbero stati corrette, mentre l’altra riguarda il Diselgate e l’alterazione delle emissioni. Altroconsumo è l’associazione in prima fila nell’azione contro Volkswagen. Possono aderire alla class action tutti coloro che hanno acquistato in Italia, nel periodo compreso tra il 15 agosto 2009 e il 26 settembre 2015 un’autovettura di marca Volkswagen, Audi, Seat e Skoda con motore WA189 Euro 5.

Fonte: ItaliaOggi – Filippo Merli (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]