Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: petrolio su dal 2018
21/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Prezzo del petrolio, giacimento di Kashagan e ovviamente il futuro dell’energia. Claudio Descalzi, amministratore delegato dell’Eni, ha parlato a 360 gradi a margine della consegna degli Eni Awards tenutasi ieri al Quirinale. Gli Eni Awards, istituiti nel 2007, hanno lo scopo di promuovere un migliore utilizzo delle fonti energetiche e di stimolare nuove generazioni di ricercatori. Per il numero uno del Cane a sei zampe il greggio nel 2017 “avrà ancora un trend stazionario con un po’ di oscillazioni perché devono essere consumate le scorte”. Poi però “potrebbero esserci tra il 2018 e 2019 una crescita dei prezzi dovuta a una carenza di petrolio per la riduzione degli investimenti”. Il greggio al momento “ha un andamento altalenante ma in continua salita; da 33-34 dollari siamo saliti a 50 dollari e questo si abbina al fatto che l’offerta è calata e la domanda è rimasta stabile, così il surplus dell’offerta si sta lentamente riducendo”. In più un eventuale intervento dell’Opec sui livelli di produzione potrebbe “accelerare l’equilibrio tra domanda e offera”, mentre le scorte in eccesso dovrebbero “essere evacuate”. In questo contesto si inserisce la produzione del super-giacimento di Kashagan, in Zazakhstan, che secondo Descalzi “non avrà impatto sui prezzi ma un importante impatto su Eni”. Se quindi da una parte il Kashagan è già considerato nelle valutazioni dell’Opec, “Eni potrà godere in 3-4 anni di una grande produzione di cassa”.

Fonte: MF – Manuel Follis (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]