Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi gioca a tutto campo
21/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Il settimanale finanziario ha messo sotto la lente la strategia di Eni e del suo amministratore delegato Claudio Descalzi. Il manager, un anno e mezzo fa, aveva avviato una riorganizzazione del gruppo, spazzando via il modello divisionale a favore di una maggiore integrazione dei business. Questa nuova impostazione ha permesso al gruppo di affrontare in modo preventivo il crollo del prezzo del barile, con Eni che nell'upstream ha riposto un'attenzione sempre maggiore ai giacimenti convenzionali, ricchi di riserve ma poveri di ostacoli.  Inoltre gli ultimi successi esplorativi hanno portato le risorse scoperte a 1,2 miliardi di barili, con un costo unitario di 0,6 dollari, in confronto ai 2 dollari previsti nel corso dell'anno, per un target di 500 milioni di barili. Questo ha consentito a Descalzi di correggere al rialzo anche la previsione di crescita annua della produzione, portandola a circa il 9% dal precedente 7% (il tasso più alto registrato dal 2009), e di ridurre invece il costo operativo per barile di un altro 12%, abbassandolo a 7,3 dollari, ai minimi del mercato.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]