Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi gioca a tutto campo
21/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Il settimanale finanziario ha messo sotto la lente la strategia di Eni e del suo amministratore delegato Claudio Descalzi. Il manager, un anno e mezzo fa, aveva avviato una riorganizzazione del gruppo, spazzando via il modello divisionale a favore di una maggiore integrazione dei business. Questa nuova impostazione ha permesso al gruppo di affrontare in modo preventivo il crollo del prezzo del barile, con Eni che nell'upstream ha riposto un'attenzione sempre maggiore ai giacimenti convenzionali, ricchi di riserve ma poveri di ostacoli.  Inoltre gli ultimi successi esplorativi hanno portato le risorse scoperte a 1,2 miliardi di barili, con un costo unitario di 0,6 dollari, in confronto ai 2 dollari previsti nel corso dell'anno, per un target di 500 milioni di barili. Questo ha consentito a Descalzi di correggere al rialzo anche la previsione di crescita annua della produzione, portandola a circa il 9% dal precedente 7% (il tasso più alto registrato dal 2009), e di ridurre invece il costo operativo per barile di un altro 12%, abbassandolo a 7,3 dollari, ai minimi del mercato.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]