Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: “Eni target? Siamo inaccessibili. In Libia c’è stato cambiamento positivo”
09/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Claudio Descalzi, Ad di Eni, ha risposto in una intervista al Financial Times che il cane a sei zampe “è inaccessibile”, un messaggio a chi aveva avanzato l’ipotesi che la società potesse essere scalata da una major rivale e che il Tesoro ne perdesse pertanto il controllo. Durante l’intervista Descalzi ha ricordato come Eni, per superare il momento di crisi e per fronteggiare il calo del prezzo del greggio, abbia fatto ricorso a quello che è stato il suo core business, l’upstream, e ha ristrutturato gli altri segmenti. Ha inoltre ricordato come negli ultimi anni ci siano stati successi importanti nell’esplorazione, nello sviluppo e nelle scoperte di nuovi campi, il tutto attraverso una forte diversificazione geografica del gruppo che va dall’Africa, all’Asia, all’America Latina, e fino agli Usa, al UK e alla Norvegia.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza e Mercati – Celestina Dominelli (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]

Sussidi dannosi: sul tavolo rimodulazioni di 7 Sad, ma cautela su accise gas

La commissione interministeriale sui sussidi ambientalmente dannosi ha individuato proposte per la rimodulazione di sette Sad
[leggi tutto…]