Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Depositi carburanti «rompicapo»
31/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non è un attacco alla nuova normativa, ma il tentativo di avviare un confronto per migliorare l’applicazione delle regole per i depositi fiscali di carburanti introdotti dall’ultima legge di bilancio. Ecco perché Assocostieri, l’associazione che riunisce le aziende operanti nella distribuzione primaria degli oli minerali, dei prodotti chimici, del Gpl e del Gnl, ha messo a punto sette proposte operative già portate all’attenzione del ministero dell’Economia, dell’Agenzia delle entrate e di quella della Dogane. “L’auspicio – spiega al Sole 24 Ore il direttore generale di Assocostieri Dario Soria – è che si arrivi a una semplificazione operativa delle norme attraverso un’ampia interlocuzione con tutti i soggetti interessati”. Sottolinea il documento dell’associazione, la trasposizione di questi orientamenti, con il ricorso a norme di difficile e complessa applicazione e a criteri per lo più quantitativi “per identificare soggetti a “rischio illegalità””, potrebbe vanificare lo spirito originario. In sostanza, spiega Soria, “il rischio è che affidandosi prevalentemente a criteri dimensionali non si finisca per combattere l’illegalità ma si deformi il mercato costruito in gran parte da operatori medio piccoli”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Norme e tributi – Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]