Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Depositi carburanti «rompicapo»
31/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non è un attacco alla nuova normativa, ma il tentativo di avviare un confronto per migliorare l’applicazione delle regole per i depositi fiscali di carburanti introdotti dall’ultima legge di bilancio. Ecco perché Assocostieri, l’associazione che riunisce le aziende operanti nella distribuzione primaria degli oli minerali, dei prodotti chimici, del Gpl e del Gnl, ha messo a punto sette proposte operative già portate all’attenzione del ministero dell’Economia, dell’Agenzia delle entrate e di quella della Dogane. “L’auspicio – spiega al Sole 24 Ore il direttore generale di Assocostieri Dario Soria – è che si arrivi a una semplificazione operativa delle norme attraverso un’ampia interlocuzione con tutti i soggetti interessati”. Sottolinea il documento dell’associazione, la trasposizione di questi orientamenti, con il ricorso a norme di difficile e complessa applicazione e a criteri per lo più quantitativi “per identificare soggetti a “rischio illegalità””, potrebbe vanificare lo spirito originario. In sostanza, spiega Soria, “il rischio è che affidandosi prevalentemente a criteri dimensionali non si finisca per combattere l’illegalità ma si deformi il mercato costruito in gran parte da operatori medio piccoli”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Norme e tributi – Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]