Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Cuneo, produttività, debito: priorità crescita
25/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

L’azzeramento del cuneo fiscale sull’assunzione dei giovani per i primi tre anni (pur sapendo, fin d’ora, «che dopo si dovrà ridurre per tutti»). Il rilancio dei premi di produttività «da detassare in modo strutturale» per aumentare le buste paga dei lavoratori, favorendo al tempo stesso crescita e innovazione per le aziende. Una rapida riduzione del debito «attraverso privatizzazioni, dismissioni di immobili pubblici, e utilizzando strumenti come i Matusalem bond» per renderlo più sostenibile (ed essere, poi, pronti alla fine del Qe). È nutrito il pacchetto di proposte al governo che il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha illustrato ieri dal palco dell’assemblea annuale degli industriali. Sul fronte dell’energia, in particolare, va ridotto il gap di costo del 30% con la media Ue; ed è necessario che il governo continui l’azione intrapresa per promuovere il made in Italy. Insomma, sulle riforme «è necessario andare avanti - chiosa il leader degli industriali -. Ma attenzione: non basta solo scriverle e approvarle in Parlamento. Bisogna poi garantire perseveranza e coerenza d’azione e fare sì che i comportamenti si adeguino alle nuove norme».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Claudio Tucci (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]