Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crollo dei prezzi e zero stoccaggi Big Oil chiude i pozzi di petrolio
18/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Chiudere i pozzi. Per le Big Oil Company non è rimasta alternativa di fronte alla tempesta perfetta che ha portato i prezzi del petrolio in territorio negativo: stop agli investimenti, sospensione delle estrazioni, congelamento delle nuove esplorazioni. La chiusura dei pozzi è stata dettata sia da ragioni industriali che finanziarie. Il crollo della domanda ha causato l’esaurimento fisico degli stoccaggi, tanto che le compagnie petrolifere hanno cominciato a usare le petroliere non per trasportarlo ma come parcheggio. Una volta esaurita ogni possibilità, non è restato che fermare le produzioni, ma anche per sostenere quel minimo di dividendo per gli azionisti. Intanto ExxonMobil ha annunciato che taglierà gli investimenti del 30%, Total del 20%, mentre Eni del 25% (pari a 2 miliardi) per il 2020 e del 20-35% per l’anno prossimo (2,5-3 miliardi).

Fonte: La Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]