Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il crollo del petrolio spinge il Canada verso tagli alla Opec
15/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

Mentre l’Opec e la Russia studiano come arginare il crollo del petrolio, un taglio di produzione potrebbe arrivare dal Canada. Diverse compagnie canadesi hanno già iniziato a chiudere i rubinetti, dopo che alcune qualità locali di greggio hanno perso valore al punto da costare meno dei barili che le contengono, poco più di 15 dollari per il West Canada Select (Wsc). Un taglio di produzione è stato suggerito anche dalla maggiore banca canadese, la RBC Royal Bank. Si stima che in tre mesi e mezzo, la produzione calerebbe di 200 mila barili al giorno, valore pari ad un quinto del taglio che l’Arabia Saudita ha ipotizzato per l’Opec  Plus. Anche in assenza di forme di coordinamento, le estrazioni in Canada stanno rallentando. Il Canada è il quarto fornitore di greggio al mondo. Inoltre, il Paese sconta una grave inadeguatezza delle infrastrutture per l’export, problema ancora ben lontano dall’essere risolto. Il greggio canadese, anche per la qualità inferiore, è sempre stato più economico del Wti.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]