Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il crollo del petrolio al centro del G20. Trump punta sull’accordo con i sauditi
29/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti. I tre colossi del petrolio ci saranno tutti al G20, che prende il via oggi a Buenos Aires. Ed è in questa sedere che potrebbero essere decise le sorti del mercato. Stavolta il confronto potrebbe coinvolgere anche gli Usa, che non fanno parte della coalizione Opec - non Opec, né è pensabile che possano mai aderirvi. Ma grazie allo shale oil oggi Washington è al vertice della classifica mondiale dei produttori di greggio. Il presidente Trump ha dichiarato in un’intervista al Washington Post che “sicuramente” si confronterà con il principe saudita Mohammed Bin Salman a margine del G20, e dovrebbe esserci anche un faccia a faccia anche col presidente russo Putin. Dai mercati intanto non arrivano segnali rassicuranti. Il Brent ha di nuovo chiuso sotto 60$ mentre il Wti è ridisceso sotto 51$ dopo i dati sulle scorte Usa, che per la decima settimana consecutiva hanno evidenziato un forte accumulo di greggio. Si tratta di livelli di prezzo che preoccupano in modo particolare i sauditi, che secondo il Fondo monetario internazionale avrebbero bisogno di 88$ al barile per far quadrare il bilancio dello Stato. Anche il resto dell’Opec, con le sole eccezioni di Iraq, Kuwait e Qatar, è in difficoltà. Ma la Russia non ha di questi assilli. Mosca ha redatto il budget statale ipotizzando il petrolio a 40$.

Fonte:Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]