Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crollano le scorte Usa e il petrolio riconquista quota 50 dollari
09/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nella farsa dei tagli alla produzione di petrolio entrano in scena a sorpresa anche gli Stati Uniti. Da oltre Oceano non arriva una posizione ufficiale, ma poco ci manca, perché a parlare è l’uomo che potrebbe diventare il prossimo segretario dell’Energia, nel caso in cui fosse Donald Trump a vincere le elezioni per la Casa Bianca: Harold Hamm, uno dei pionieri dello shale oil con la sua Continental Resources. “I produttori statunitensi hanno tagliato – ha dichiarato Hamm – Noi abbiamo fatto la nostra parte. Avrebbe senso che finalmente un congelamento dell’output fosse implementato”. Il mercato non si è lasciato minimamente smuovere dalle sue parole, anche se ieri il fattore di influenza più forte per il petrolio è comunque arrivato dagli Stati Uniti: il prezzo del barile è balzato di oltre il 4% sulla notizia che le scorte di greggio la settimana scorsa sono diminuite di ben 14,5 milioni di barili, il calo più forte mai registrato dal 1999 e il secondo maggiore da quando è iniziata la serie dei dati, nel 1982. Il Brent ha chiuso un centesimo sotto quota 50 dollari, a 49,99 $/barile, il Wti a 47,62 $.   

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]