Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crisi climatica, un allarme insufficiente
16/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi, avendo come riferimento i risultati che questi intendono realizzare nel 2030 per le emissioni di gas serra, le energie rinnovabili e i consumi energetici. Il CCPI verifica se la traiettoria di decarbonizzazione definita da questi obiettivi è coerente con gli impegni assunti sottoscrivendo nel 2015 l'Accordo di Parigi: contenere sotto due gradi l'incremento della temperatura globale. Le valutazioni per gli Stati membri dell'Unione europea, contenute nell'edizione 2019 del CCPI, non sono molto rassicuranti per un continente che si considera vessillifero del contrasto al cambiamento climatico. Il rating complessivo di Francia, Germania, Italia è appena sopra il “basso”, che è il voto assegnato alla Spagna. Per rispettare la traiettoria che centra l'obiettivo “well below 2 °C”, nel 2030 Francia, Germania e Italia dovrebbero coprire i consumi finali di energia con una quota di rinnovabili di poco superiore al 50%. Invece, nelle proposte di Piano Nazionale Energia e Clima, presentate a Bruxelles, l'obiettivo è il 34% per la Francia, 30% per gli altri due.

Fonte: Staffetta Quotidiana ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]