Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crediti bancari a rischio nell’Oil & Gas
07/11/2015 - Pubblicato in fiscalita

Il crollo dei prezzi delle materie prime sta provocando un rapido deterioramento della qualità dei crediti delle banche, che tuttavia è «ancora allo stadio iniziale» e potrebbe comportare un progressivo aumento dei rischi e delle potenziali perdite. La diagnosi emerge da un’indagine annuale, la Shared National Credits Review, condotta dalla Federal Reserve e da altre due autorità di vigilanza statunitensi, la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic) e l’Office of the Comptroller of the Currency (Occ). L’indagine, focalizzata sui prestiti di almeno 20 milioni di dollari, concessi da tre o più istituzioni, ha accertato che i crediti non performanti concessi a società che operano nelle commodities sono aumentati del 66% rispetto all’anno scorso, a 72,1 miliardi di dollari, il massimo dal 2009. Anche l’esposizione complessiva al settore ha raggiunto livelli vertiginosi, con prestiti per 904,5 miliardi di $ , un record da almeno dieci anni. Solo cinque anni fa l’ammontare era limitato a 592,3 miliardi. «Dal 2010 al 2014 - osserva il rapporto - aggressive acquisizioni e strategie di esplorazione hanno provocato un aumento della leva, rendendo molti creditori più suscettibili di fronte a un prolungato declino dei prezzi delle materie prime». La crisi è particolarmente grave nel settore Oil & Gas: incagli, sofferenze ed esposizioni scadute nell’ultimo anno sono più che quadruplicati, raggiungendo 34,2 miliardi di $, il 12% dei crediti concessi al settore. «Le società - prosegue il rapporto - hanno contratto debiti significativi per finanziare i programmi di perforazione e la struttura del capitale è diventata insostenibile a fronte del ribasso del prezzo del petrolio».

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]