Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Così Teheran rassicura Eni & Co
03/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e Shell si stanno riavvicinando a Teheran con molta cautela. Così Nioc, la compagnia petrolifera iraniana, ha deciso di passare all’azione provando a rassicurare chi teme un nuovo embargo dopo le esternazioni del presidente Usa sulla legittimità dell’accordo per il nucleare. E per farlo, si affida alle dichiarazioni di Elizabeth Rosenberg, ex advisor del Dipartimento del Tesoro Usa in materia di sanzioni e attuale responsabile  Energia, Economia e Programma di Sicurezza del Cnas (Center for New American Security). “Gli Stati Uniti non potranno bloccare di nuovo le esportazioni di petrolio da parte di Teheran, né riportare il mercato alle condizioni pre-2015, quando era ancora in vigore l’embargo”, scrive Rosenberg. Il parere, riportato integralmente da Nioc, è che senza il supporto di Europa, Cina e Russia, gli Usa non saranno in grado di chiudere nuovamente i contratti con l’Iran. L’intendo di Nioc è scongiurare dietrofront, soprattutto da parte di oil company, come Eni e Shell, che a differenza di Total non hanno firmato accordi vincolanti.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]