Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il conto di Kashagan a Eni & Co
30/06/2015 - Pubblicato in news internazionali

Da un lato la firma di un accordo che conferma gli ottimi rapporti d'affari tra l'Eni   e il Kazakhstan. Dall'altra i costi che lievitano per il riavvio del giacimento di Kashagan, bloccato da ottobre 2013 dopo una fuga di gas. La sostituzione di tutte le tubature, un lavoro da 1,8 miliardi di dollari affidato a Saipem, è già partita ma restano le preoccupazioni sui tempi espresse dal presidente kazako, Nursultan Nazarbayev. La nota ufficiale del Cane a sei zampe riferisce dell'intesa firmata sabato scorso all'Expo dall'ad di Kmg (KazMunayGas), Sauat Mynbayev, e dall'ad Eni  , Claudio Descalzi, per il trasferimento all'Eni   del 50% dei diritti di sfruttamento del blocco di Isatay, nel Mar Caspio. Il trasferimento avverrà nei prossimi mesi, dando seguito a un accordo strategico sottoscritto esattamente un anno fa, e che prevede anche lo sviluppo congiunto di un cantiere navale a Kuryk.

Fonte: MIlano Finanza 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]