Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sono in continua crescita i rapporti d’affari fra l’Italia e l’Azerbaigian. A questo contribuisce soprattutto il ruolo di fornitore di gas per l’Europa cui si candida il Paese
14/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

Sono in continua crescita i rapporti d’affari fra l’Italia e l’Azerbaigian. A questo contribuisce soprattutto il ruolo di fornitore di gas per l’Europa cui si candida il Paese che si affaccia sul Caspio, da quando sono stati scoperti gli immensi giacimenti offshore di Shah Deniz ed è partita la realizzazione del gasdotto Tap. Su questo fronte due gruppi italiani sono particolarmente impegnati: Snam, che è azionista di Tap con il 20%, alla pari di Bp e Socar 20%, e Saipem, che ha ottenuto le commesse per Shah Deniz e anche per il gasdotto. Ieri gli ad di entrambe le società, Marco Alverà di Snam e Stefano Cao di Saipem, sono intervenuti alla Commissione intergovernativa italo-azera. “Abbiamo lavorato soprattutto allo sviluppo dei campi di Azeri, Chirag e Gunashli che producono quasi 1 milione di barili di petrolio al giorno”, ha ricordato Cao.

Fonte: MF – Angelica Romani (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]