Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La contesa per il gas L’Ucraina sospende gli acquisti dalla Russia
01/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

Ieri scadeva il piano di aiuti per Atene ma anche un altro accordo importante per l’Unione Europea: il «pacchetto invernale» per le forniture di gas all’Ucraina e indirettamente all’Europa, frutto dell’estensione nel marzo scorso di un accordo con la Russia, ora da rinegoziare. La Commissione europea, come per la Grecia, anche in questa partita sta svolgendo un ruolo di mediazione e oggi a Bruxelles ne riferirà il vicepresidente della Commissione Ue Maroš Šefcovic, con delega alle questioni energetiche, che ha incontrato i ministri dell’Energia russo Alexander Novak, quello ucraino Vladimir Demchyshyn e il ceo di Naftogaz Andriy Kobolev. Ieri a Vienna ne hanno discusso Ue, Russia e Ucraina ma l’accordo per il prossimo inverno non è stato raggiunto. Mosca si è rifiutata di firmare un accordo per continuare le forniture di gas alle stesse condizioni dell’ottobre scorso. Immediata la reazione della compagnia statale ucraina Naftogaz, che ha annunciato la sospensione da subito dell’acquisto di gas russo. «Mossa politica», la replica di Mosca.

Fonte: Corriere della Sera 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]