Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I consumi e l’Opec spingono la rimonta del petrolio
13/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’oro nero ha aggiornato i massimi degli ultimi due anni. Il Wti, quotazione di riferimento per il mercato americano, viene scambiato a 56,6 dollari al barile, mentre il Brent ha da tempo superato quota 60 e viene negoziato a 63,7. Dopo il crollo del 2015, che portò le quotazioni da oltre 100 dollari al barile sino a dei minimi di  28 dollari ad inizio 2016, i prezzi hanno intrapreso un percorso di lento ma progressivo recupero. Alla base della ripresa vi sono le aspettative per un domanda di petrolio in crescita grazie alla ripresa economica mondiale. Ha anche giocato un ruolo chiave l’Opec, il cartello dei produttori, che si è ripetutamente mosso per frenare la produzione di petrolio e limitare l’eccesso di offerta che ha caratterizzato gli ultimi anni.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]