Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I consumi in discesa rallentano le utility
23/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

È una fotografia che mostra tante ombre quante luci (o forse anche più ombre che luci) quella scattata dal rapporto annuale 2016 dell’Osservatorio sulle Alleanze e le Strategie nel Mercato Paneuropeo delle Utility. Lo studio «Elettricità, gas, idrico e rifiuti. Strategie e performance delle maggiori utility italiane», che sarà presentato oggi a Milano nel corso di un convegno organizzato dalle società di consulenza Agici e Accenture, prende a esame i risultati economico-finanziari di 26 società del campione per il periodo 2008-2017 e i dati di produzione e consumo al 2014 e al 2015. l 2014 è stato il terzo anno consecutivo di calo dei consumi (-3% rispetto al 2013), scesi a 310,5 miliardi di chilowattora. La stagnazione della domanda sembra insomma una conditio strutturale. Sulla ripresa del 2015 (+1,5%) hanno sicuramente influito i picchi estivi dei consumi legati al caldo. Ma è ancora troppo poco per pensare a una reale inversione di tendenza. Anche perché fra 2008 e 2015 la flessione è stata del 7,2 per cento. Dalla flessione dei consumi alla sovraccapacità lo spazio è poi breve. Nel 2014 c’è infatti stata una riduzione della produzione del 3,4% rispetto al 2013, attestatasi sui 279,8 miliardi di chilowattora. Un risultato come questo va giudicato insieme alle consistenti dismissioni nel termoelettrico (-3.446 megawatt; -4,6% sul 2013), soprattutto di impianti ormai non più operativi. Nel 2015 lo scenario non subisce una variazione significativa (la produzione elettrica aumenta dello 0,6%). Dare priorità agli investimenti sulle reti oppure sulle fonti rinnovabili è una delle strade indicate per allontanarsi dai pericoli di quella che potrebbe evolvere in un avvitamento verso il basso. Internazionalizzazione e ampliamento dell’offerta restano le altre carte da giocare. Questo vale per l’elettricità, ma anche per il gas. In Italia i consumi di gas hanno puntato verso il basso dal 2011 al 2014, arrivando al dato più basso dal 2000. Nel 2015 la risalita (+8,2% nei primi dieci mesi), ma con previsione ottimistica del 2,1% medio annuo di ulteriore incremento. In questo contesto, a voler dare uno sguardo di insieme, il calo del fatturato delle multiutility è stato del 16,8% per le multiutility e del 14% nel settore energetico fra 2012 e 2014 , a 17,5 miliardi di euro complessivi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & Territori

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]

Francia, gli oneri sulle bollette crescono dell’11%

Gli oneri per il “servizio pubblico energia” che gravano sulle bollette elettricità e gas dei consumatori francesi ammonteranno nel 2020 a 7.916 milioni di euro (+11% in più rispetto al 2018). E' quanto risulta dal calcolo p
[leggi tutto…]

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]