Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Clô, tutti i guai per l'Italia a seguito del Nord Stream 2
08/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

L’intesa raggiunta il 12 febbraio tra Consiglio e Parlamento Europeo apre la porta al completamento già il prossimo anno del gasdotto Nord Stream 2. Una vicenda preoccupante riguardo la posizione dell’Italia su cui, va ricordato, avevano già sollevato l'allarme Romano Prodi in una conferenza a Mosca il 17 marzo 2016 . Un'intesa, rileva Clô, grazie alla quale “Berlino diverrà indiscusso leader del metano nel continente europeo. Facendo svanire parallelamente l'idea che il nostro Paese potesse diventare hub di transito del metano verso il Centro Europa proveniente dall'Oriente e dal Mediterraneo”. Un rischio, fa osservare Clô, di cui era pienamente consapevole il passato Governo che nella SEN. Il gasdotto, per giunta che non accrescerà le forniture russe all'Europa, ma servirà unicamente a svuotare i tubi dell'Ucraina privandola degli introiti di transito (2% PIL) e consentendo a Mosca di tagliare le forniture a Kiev senza conseguenze per la Germania. In sintesi: aumenterà il potere della Russia sull'Ucraina e su tutto l'Est Europa. Una partita vinta nettamente da Berlino, grazie per di più al compromesso franco-tedesco per una revisione della nuova direttiva sul metano.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]