Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra
22/09/2020 - Pubblicato in news internazionali

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-ciprioti. Gli stranieri a tenere il palcoscenico adesso sono tanti, tra cui la Turchia che assedia le acque cipriote con tre imbarcazioni da perforazione e ricerca. Duplice la posizione di Erdogan infatti, da un lato sottolineare come il mandato di estrazione del gas non possa essere concesso a compagnie straniere, dall’altro rivendicare i diritti di sfruttamento su alcune aree di mare che si sovrappongono a quelle Cipriote. Gli interessi  sui giacimenti ciprioti coinvolgono anche l’EastMed: un futuro gasdotto che dovrebbe portare il gas dal Mediterraneo orientale fino in Grecia attraverso Cipro e Creta, su cui la Turchia non è stata coinvolta. Nel frattempo un gruppo di studenti della Frederick University di Nicosia, dibatte della guerra del gas: “fanno tutto questo casino per qualcosa che è già passato, pensino piuttosto alle energie pulite, qui di sole ne abbiamo da vendere e non ce lo ruba nessuno.” Afferma uno di loro.

Fonte: La Repubblica – Stefania Di Lellis (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]