Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas
09/02/2020 - Pubblicato in news internazionali

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi. Pechino ha iniziato a respingere un numero crescente di metaniere e il prezzo del combustibile sta precipitando ai minimi storici, su livelli che per alcuni produttori non ripagano i costi. I casi di forza maggiore, causati dal corona virus e dalla chiusura ancora in corso di molte fabbriche, si stanno moltiplicando. Secondo il Financial Times almeno 50 carichi di gas liquefatto sono a rischio di cancellazione nei prossimi giorni, il 70% dell’import previsto per febbraio. L’Europa potrebbe presto non avere più spazio per gli stoccaggi.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]