Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Certificati bianchi, Gse: nei primi due mesi titoli raddoppiati
04/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

È ancora molto calda la questione dell'equilibrio del mercato dei Certificati bianchi – e di conseguenza del balzo dei prezzi dei titoli, arrivati di recente a 270 euro. Con una mossa inedita il Gse ha pubblicato ieri i dati relativi ai procedimenti amministrativi conclusi e ai relativi Titoli di efficienza energetica (Tee) riconosciuti nel primo bimestre 2017, sottolineando che sono stati riconosciuti oltre 900mila Certificati bianchi, quasi il doppio rispetto allo scorso periodo dello scorso anno. Un'informazione volta evidentemente a corroborare quanto affermato a più riprese dal Gse, e cioè che il mercato dei Certificati bianchi non è “corto” e che quindi le ragioni dell'aumento dei prezzi vanno cercati altrove. Al 28 febbraio 2017 i procedimenti conclusi con esito positivo sono 1.025, di cui 85 Proposte di Progetto e Programma di Misura (PPPM) e 940 Richieste di Verifica e Certificazione dei Risparmi (RVC). L'esito positivo delle istruttorie ha generato il riconoscimento di 912.859 Tee, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (circa 500.000 Tee).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]