Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Certificati bianchi, costo in calo a 600 mln nel 2014
01/10/2015 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Nel 2014 il costo in bolletta del meccanismo dei Titoli di efficienza energetica (Tee o Certificati bianchi) è sceso a circa 600 milioni di euro, interrompendo una dinamica di aumento che proseguiva ormai da dieci anni. Ad annunciarlo è l'Autorità per l'energia in occasione dell'audizione svoltasi oggi in commissione Industria al Senato sul documento per l'aggiornamento delle linee guida in materia di certificati bianchi . Il calo dei costi, si legge nel documento depositato, deriva dall'effetto combinato della flessibilità concessa ai distributori dalla normativa (e, in particolare, dalla possibilità di completare l'adempimento dei propri obblighi nei due anni successivi all'anno d'obbligo) e della fissazione del contributo erogato con riferimento al 2014, minore di circa il 4% del corrispondente dell'anno precedente). Il regolatore ha colto l'occasione per formulare alcuni suggerimenti, chiedendo innanzitutto che l'obbligo di certificazione per le Esco e la previsione di garanzie finanziarie non pregiudichi “le caratteristiche di adattabilità a soggetti e interventi eterogenei, di diversificazione delle modalità di partecipazione e di offerta dei servizi al cliente finale” e, allo stesso scopo, il mantenimento “della possibilità di scegliere se un intervento sia presentato e rendicontato dal cliente finale direttamente oppure tramite un terzo (tipicamente la Società di servizi energetici)”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Aramco fa incetta di gas americano

L’Arabia saudita, tra i maggiori esportatori al mondo di petrolio, non disdegna il gas americano
[leggi tutto…]

Tariffe gas Germania e Francia, l’Italia scrive a Bruxelles

Una valutazione urgente sulla coerenza dei regimi tariffari adottati da Germania e Francia rispetto alla metodologia Ue in materia di tariffe armonizzate del gas
[leggi tutto…]

Non sono Eni e Total, la Libia fa accordi in Usa e Germania

La compagnia petrolifera libica Noc è riuscita comunque ad inaugurare la sua prima sede internazionale, a Houston.
[leggi tutto…]